Progetti e Attività

 Educazione al Patrimonio culturale e naturale – materiale e immateriale:
ambiti: arte, storia, archeologia, antropologia, sociale, ambiente e paesaggio, economia, sostenibilità

 Formazione, ricerca e documentazione
 Laboratori e didattica
 Educazione all’aperto (Outdoor Education)
 Mediazione culturale e sociale
 Tutela, salvaguardia e valorizzazione

 Rigenerazione sociale
 Riqualificazione urbana
 Mappe di Comunità
 Arte pubblica – Ritratti sociali – Open call
 Etnobotanica – Patrimonio immateriale da conoscere e valorizzare
 Percorsi sensoriali – Arte – Natura – Ben-essere
 Accessibilità museale
 Visite guidate, itinerari, camminate
 Eventi

*********************************************

PROGETTO: ARTE PUBBLICA RITRATTI SOCIALI
Pratiche partecipate per lo sviluppo artistico e la rigenerazione territoriale

2 Edizioni – Open call
3 Selezioni della Giuria
12 Residenze artistiche
12 finalisti – Giovani Artisti e Artiste della Regione E.R.
12 Persone anziane ritratte
12 Opere-ritratto prodotte
4 Inaugurazioni Mostre espositive (museo della città, cinema astoria, sottopasso parco ausa)
2 Workshop
2 Finissage evento

Ecomuseo Rimini – APS, promuove la prima edizione (due sessioni) e la seconda edizione della Open Call Arte pubblica Ritratti sociali, ed invita in residenza giovani artisti e artiste esordienti dai 18 ai 35 anni, della Regione Emilia Romagna, che possano creare produzioni di arte visiva e narrazioni in contesti urbani.
I soggetti raffigurati nei “Ritratti sociali” sono i Volti degli anziani residenti, coinvolti anch’essi nel processo di co-creazione, con i loro racconti di storie e vissuti rievocati e connessi all’identità del luogo, intorno all’ex torrente Ausa , della Città di Rimini.
L’Ecomuseo come un progetto di rigenerazione territoriale si fa strumento narrativo, che esprime l’identità di una comunità patrimoniale che nell’azione partecipativa e poetica agisce come: “specchio nel quale la popolazione locale si osserva per scoprirvi la propria immagine, nel quale essa cerca una spiegazione del territorio cui è legata nonché informazioni sulle popolazioni che l’hanno preceduta, sia circoscritte nel tempo sia in termini di continuità fra le generazioni.” G. H. Rivière, 1985.

Gli Artisti e le artiste selezionati sono:
Nove giovani artisti/artiste finalisti della 1^ edizione:
Alessia Elettra Campana, Erica Conti, Massiel Leza, Filippo Maestroni, Sara Marini, Valentina Perazzini, Danilo Sciorilli, Mattia Tentoni, Charlotte Van Bost,
Tre giovani artisti/artiste finalisti della 2^ edizione:
Pierfilippo Gatti, Matilde Pretolesi, PROT (Lia Proti).

Le persone ritratte sono:
Daniele Bacchi, Fabio Bruschi, Daniele Bacchi, Umberto Carlini, Iside, Chiara Luisè, Maria, Giampiero Monacelli, Giovanni Maioli, Luigia Montevecchi, Milena Montevecchi, Oscar Mussoni, Valter Pasini.

Mostre e Installazione urbana:
La mostra si compone di opere realizzate con media e tecniche diversi: dal
disegno, pittura, illustrazione al disegno digitale e fotografia. Gli elaborati
artistici sono correlati da schede sugli artisti e schede sui racconti narrati dalle
persone ritratte.

30 giugno / 31 luglio 2020 – Mostra Museo della città di Rimini (2° piano Ala Nuova)
– Dal 2 luglio in poi – Sottopasso Parco A.Cervi – davanti l’Arco d’Augusto
11 al 30 Novembre 2022 – Mostra all’Ex Cinema Astoria
– Dall’ 11 Novembre in poi – Sottopasso A.Cervi, davanti l0Arco d’Augusto
Installazione di Arte pubblica, con la stampa delle opere in manifesti/poster art, affissi alle pareti del sottopassaggio. L’installazione delle nuove opere vanno integrate a quelle della prima edizione,

Poetica della Call
I Ritratti sociali, vogliono generare un doppio sguardo, uno orientato verso l’Altro e uno verso di Se, (interno/esterno). L’elaborazione artistica non si esaurisce soltanto nell’accurata riproduzione dei tratti di un Volto ma sta dentro un autentico agire dialogico. L’artista rintraccia molteplici espressioni che tanto raccontano il sentimento umano, i vissuti, i passaggi del tempo, le memorie celate che a volte necessitano di essere ri-tracciate. Il doppio sguardo diventa dunque il fulcro attorno a cui si co-costruisce una narrazione nuova nella relazione tra il giovane artista e il soggetto anziano, fino al compimento della restituzione, nel rivedersi in quell’ immagine riflessa. Nel doppio sguardo ognuno può rispecchiarsi e scoprire qualcosa in più di Sé e dell’Altro, compresente, mediato, complementare.
Nell’immagine è visibile la dimensione narrativa che esprime identità e anima dai volti, documenta storie, biografie e aneddoti di vita vissuta.

Scopi
Gli scopi su tre azioni:
o Promozione e valorizzazione di giovani artisti e artiste della Regione Emilia Romagna;
o Rigenerazione sociale e legami transgenerazionali, valorizzando lo scambio, il dialogo, le relazioni, la raccolta di memorie e storie di un territorio;
o Riqualificazione urbana di aree di prossimità, l’identità del luogo dell’Ausa, risignificare lo spazio pubblico e il patrimonio nella sua fruizione.

Altri scopi riguardano:
 promuovere e valorizzare le relazioni sociali con il patrimonio culturale;
 rendere inclusivi i contesti coniugando: Arte, Territorio, Comunità;
 Sperimentare l’arte come strumento e mezzo di coesione e rigenerazione (sociale ed urbana/paesaggistica);
 Coinvolgere direttamente la collettività territoriale in laboratori attivi e di produzione artistica;
 Promuovere percorsi di “bellezza” partecipata nei luoghi di prossimità, che diventino punti di partenza di co-creazione e di co-gestione del Patrimonio (materiale/immateriale);
 Generare processi positivi che tendono a ricreare e riqualificare gli spazi di vita;
 Promuovere lo sviluppo sostenibile (culturale, sociale, ambientale, economico).
 Dar vita allo sviluppo di azioni comunitarie, che abbiano lo scopo di creare legami e relazioni sociali significativi, e che favoriscano una nuova modalità di dialogo, interazione e di partecipazione delle persone alla vita di quartiere.

Ente Promotore: “Ecomuseo Rimini – APS”
ideazione e curatela di Sonia Fabbrocino (Presidente Ecomuseo Rimini, educatrice museale, artista, arteterapeuta).

Membri della Giuria:
Oltre la curatrice Sonia Fabbrocino, partecipano alcuni membri della Commissione della Biennale Disegno Rimini: Massimo Pulini, Annamaria Bernucci, Franco Possi, Andrea Losavio, Alessandra Bigi.
Durante le due inaugurazioni e nei finissage, un momento di dialogo poetico dialettale insieme ad Ivano Aurelio Muratori, Umberto Carlini, Pier Paolo Paolizzi.

La Rete:
2021-2022 – La prima edizione del progetto Arte pubblica Ritratti sociali è parte del progetto Cardini e decumani presentato nell’ambito del Bando per progetti di rilevanza locale (DGR 1826/2020), finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e dal Ministero del Lavoro e Politiche Sociali.
2022 – La seconda edizione di Arte pubblica Ritratti sociali, fa parte delle proposte del calendario di attività del progetto “Ritorno all’Astoria”, un processo partecipativo del Comune di Rimini, coordinato dall’associazione Il Palloncino Rosso e finanziato dalla Regione Emilia Romagna.
Col patrocinio del Comune di Rimini
Si ringrazia il Direttore dei Musei comunali di Rimini Giovanni Sassu
Si ringrazia la collaborazione del Centro sociale anziani Ausa

Logo Ritratti Sociali Stefano Tonti
Grafica Locandina 1^ edizione Giulia Cheena
Grafica Locandina 2^ edizione e pannelli espositivi Silvia Amadei
Photo manifesti Gilberto Gibo Urbinati
Stampa Cento Fiori Coop. sociale